La famigerata FASE 2 sta arrivando e nell’emergenza coronavirus che ha stravolto completamente la vita di miliardi di persone in soli due mesi una cosa l’abbiamo capita: la nostra vita non sarà più la stessa.

Fase 2 coronavirus

La regola del “Distanziamento sociale” non modificherà soltanto le nostre abitudini personali, limitando contatti fisici con parenti ed amici, ma anche e soprattutto la nostra attività lavorativa. Ecco perché ho deciso di elencare alcuni suggerimenti che spero possano essere utili a tutti gli imprenditori (di qualisiasi taglia e settore):

  1. SICUREZZA COME VANTAGGIO COMPETITIVO

sicurezza coronavirus

In questi giorni si sta discutendo delle ordinanze che ogni attività dovrà rispettare per aprire. Saranno delle checklist, divise per settore merceoloogico, di requisiti minimi per la riapertura.

Basterà rispettarli per aprire? Si.

Basterà rispettarle per dare un’idea ai clienti di “luogo sicuro”? Forse no.

Nei prossimi mesi, le attività che riusciranno a dare una percezione ai clienti di luoghi sicuri, saranno scelte al posto di altre.

Di solito ci piace essere abbastanza abitudinari: andiamo a tagliare i capelli sempre dallo stesso barbiere/parrucchiere per anni, andiamo agli stessi ristoranti, stessi bar. Ci piace creare dei riti. Ma quando riusciremo di casa, tutte le nostre scelte del passato verranno messe in discussione. Il bar dove andavo a fare colazione, sarà sicuro?, Il ristorante preferito rispetterà le distanze? E così via.

Per questo motivo, prendere provvedimenti ancora più stringenti di quelli necessari, potrà aiutare ad essere riconosciuti come “luogo sicuro” dai clienti. Faccio degli esempi per spiegarmi meglio: se abbiamo un bar o un ristorante, distanziamo ancora di più i tavoli rispetto a quanto richiesto dalla legge. Mettiamo i dispenser di gel antidisinfettante come centro tavola. Disinfettiamo tavoli e sedie dopo ogni utilizzo. Prevediamo degli spazi igienici dove poggiare le mascherine. Se abbiamo un negozio, facciamo entrare un cliente alla volta, etc..

Comunichiamo con cartelli ed altro le nostre scelte di sicurezza. Ci rimane difficile farlo, rinunciare alla possibilità di erogare il servizio a tot persone. Ma più riusciremo a trasformare la nostra attività in un luogo sicuro, più le persone ci sceglieranno! I  locali e bar che terranno i tavoli alla distanza minima imposta, saranno visti come “poco sicuri” e anche se prima erano frequentatissimi, potrebbero subire un calo dovuto a questa percezione. Mai come oggi: la sicurezza è al primo posto per la scelta dei clienti.

E si cambieranno tantissime abitudini di consumo, per cui potrebbe essere anche una priorità.

In quest’ottica di sicurezza, se non hai già una wifi pubblica per i tuoi clienti, corri a farla. Uno dei componenti fondamentali per la fase 2 sarà l’app di tracciamento Immuni. La possibilità di essere connessi anche all’interno dei negozi/attività commerciale darà una grande sensazione di sicurezza, nel momento in cui da un momento all’altro potrebbero segnalarci di essere stati vicino ad una persona che è risultata positiva.

  1. ONLINE O MUORI

Non si potrà più prescindere dal canale online. E non stiamo parlando di essere online per comunicare e promuovere, sarà importante riorganizzare i propri processi e la propria attività per vendere online. Vi basti pensare che durante la quarantena “Ha acquistato online il 75% delle persone che non l’aveva mai fatto prima”. Le abitudini degli italiani sono cambiate, stando a casa siamo stati costretti ad acquistare tutto online e anche quando potremo uscire tantissime persone continueranno ad acquistare online, perché hanno scoperto che è comodo e non vorranno più tornare indietro.

In queste settimane ho aiutato scuole di musica a capire come organizzare lezioni online, ristoranti che non offrivano servizio a domicilio a strutturarsi per farlo, parrucchieri che prendevano solo prenotazioni telefoniche ad utilizzare servizi più avanzati come siti ed app e così via. Tutti possono farlo, nessuno escluso.

Non ci sono scuse, solo alibi.

(Anche per aiutare tutti a portare il proprio business online abbiamo lanciato il corso Lean Startup Program Online)

Non pensare che l’online serva solo a comunicare quello che fai, cerca di entrarci dentro. Come puoi erogare i tuoi servizi online? Puoi creare un e-commerce o potenziare le attività su Amazon? Puoi consegnare la colazione o gli ordini del ristorante a domicilio? Puoi far prenotare i tuoi clienti su un’app o sito web in modo tale da non sovrapporsi? Puoi far prendere un biglietto della fila digitale per non farli accatastare davanti ai negozi? Ho un amico che ha sviluppato almeno un’app o sito web per ognuno di questi servizi. Abbiamo la tecnologia (italiana) per poterlo fare, è più semplice di quanto si pensi. La tecnologia ci è vicina ed è nostra amica, oggi più che mai.

  1. PUNTA ALLA QUALITA’ E NON ALLA QUANTITA’

qualità servizio

Il distanziamento sociale imporrà una diminuzione delle persone che possiamo servire con i nostri prodotti e servizi, almeno che non siamo così bravi da rendere il business online la parte più importante della nostra attività in termini di fatturato.

A quel punto dovremmo ripensare ciò che vendiamo, personalizzando l’erogazione del servizio/prodotto. Migliorare l’esperienza di acquisto sarà fondamentale, soprattutto nei prossimi mesi in cui, dopo essere stati costretti a settimane di quarantena, usciremo per riassaporare il mondo ed ogni cosa sarà bella come se fosse fatta la prima volta. Andare al bar, al ristorante, tagliarsi i capelli sarà un’esperienza “eccezionale”, quasi considerata un lusso. Più riusciremo a personalizzare e migliorare l’esperienza dei nostri clienti, più avremmo successo in questa fase.

  1. DEDICATI AI CLIENTI PIU’ FEDELI. FALLI SENTIRE SPECIALI

clienti fedeli

Visto che non potremo servire tutti, dovremmo scegliere. La scelta più sensata e redditizia è sempre quella di dedicarsi ai nostri clienti più fedeli. Tutte le ricerche di mercato dimostrano quanto sia più difficile acquisire nuovi clienti, piuttosto che mantenere i clienti abituali, più o meno per tutti i settori. Non facciamo l’errore di considerare nuovi clienti e clienti fidelizzati allo stesso modo. I nostri clienti storici, quelli che conosciamo bene, sono in questo momento la nostra risorsa più grande. Dobbiamo ripartire da loro e dedicarci interamente a loro con tutte le nostre energie. E questo per due motivi: il primo è che in una situazione come questa saranno i clienti più fedeli a volerci aiutare, perché con loro abbiamo anche un rapporto personale. La seconda è che se nel riorganizzare qualcosa ci sbagliamo, i clienti più fedeli sono quelli ci possono aiutare meglio a capire cosa possiamo migliorare per offrire un servizio ancora migliore. L’unica cosa da non sbagliare con loro è “trattarli come tutti gli altri”. Facciamoli sentire speciali.

  1. UTILIZZA QUESTO TEMPO PER SPERIMENTARE COSE NUOVE

Idea coronavirus

In queste ultime settimane di quarantena non perdiamo tempo. Abbiamo visto quasi tutte le serie tv su Netflix, imparato a fare pizza e ciambelloni. Ci siamo videochiamati tanto, allenati a casa, qualcuno si è spinto nella meditazione e training autogeno per limitare danni psicologici (fatto benissimo peraltro). In queste settimane che ci precedono alla fase 2, proviamo a sperimentare delle cose nuove. Ripensiamo i nostri servizi e coinvolgiamo i nostri clienti più fedeli per erogarli e ricevere dei consigli su come migliorarli.

Non è necessaria la conoscenza informatica di un programmatore. Basta conoscere facebook, whatsapp. Anche questi sono servizi digitali che abbiamo imparato ad utilizzare per necessità e per non essere estromessi dal mondo. Ora tutte le persone del mondo li utilizzano con dimestichezza e naturalezza, a prescindere dall’età.

Non dobbiamo essere spaventati nel provare a fare delle cose nuove, dobbiamo essere spaventati di non provare a farle. Perché molte cose cambieranno e sperimentare cose nuove è l’investimento migliore per garantirsi un futuro.

Questi 5 punti ed altri aspetti fondamentali saranno alla base del corso che inizierà a fine maggio, il  Lean Startup Program Online: un percorso dedicato agli imprenditori di tutte le taglie (dal ristoratore allo startupper) per far ripartire nella Fase 2 e far crescere il Paese.

Scendiamo dai balconi.Rimbocchiamoci le maniche. 💪

Facciamo ripartire l’Italia, insieme. 🇮🇹

Hai un’attività o vuoi sviluppare un’idea online?

Candidati al corso Lean Startup Program Online