Vuoi una startup di successo?

non partire dall’idea, ma dal problema!

Il modo migliore per avere un’idea di Startup, non è pensare ad un idea, ma pensare alla risoluzione di un problema concreto, magari che tu stesso senti a te vicino.

Le migliori idee di Startup tendono ad avere tre cose in comune: sono qualcosa di cui i fondatori hanno bisogno, che loro stessi possono costruire e che pochi altri realizzano. Microsoft, Apple, Yahoo, Google e Facebook sono iniziati in questo modo.

Parti da un problema reale

Partire da un’esigenza concreta è la retta via da percorrere quando ci si approccia ad avviare una Startup ma, tra le altre cose, assicura che il problema esista davvero. Sembra ovvio che tu debba lavorare solo sui problemi esistenti. Eppure l’errore più comune è quello di risolvere i problemi che nessuno ha.

Perché così tanti fondatori costruiscono cose che nessuno vuole? Perché iniziano cercando di pensare ad un’idea di Startup e non alla risoluzione di un problema. Questo m.o. è doppiamente pericoloso: non fornisce buone idee; produce cattive idee che sembrano abbastanza plausibili da ingannarti a lavorare su di esse.

Quando si avvia una Startup si deve avere la certezza che esista un gruppo di utenti che senta realmente il bisogno che noi vogliamo soddisfare, non solo le persone che lo utilizzerebbero in futuro. Di solito questo gruppo iniziale di utenti è piccolo, per la semplice ragione che se ci fosse qualcosa di cui un gran numero di persone avesse bisogno urgente e che potesse essere costruita con lo sforzo che una startup di solito impiega in una versione beta, probabilmente esisterebbe già. Il che significa che devi scendere a compromessi su una sola dimensione: puoi costruire qualcosa che un grande numero di persone vuole, ma in quantità minima o qualcosa che è richiesta da un piccolo gruppo di persone, ma in grande quantità. Scegli la seconda dimensione. Non tutte le idee di questo tipo sono buone idee di startup, ma quasi tutte le buone idee di startup sono di questo tipo. Immagina un grafico il cui l’asse x rappresenta tutte le persone che potrebbero aver bisogno di ciò che stai offrendo e il cui asse y rappresenta quanti realmente lo vogliono. Se s’inverte la scala sull’asse y, è possibile immaginare le aziende come “buchi”. Google è un immenso cratere: centinaia di milioni di persone lo usano e ne hanno un gran bisogno. Una startup appena agli inizi non può aspettarsi di scavare così tanto a fondo. Per questo hai due scelte sulla forma del “buco” con cui inizi. Puoi scavare un buco largo ma poco profondo, o stretto e profondo, come un pozzo.

Di solito, una startup appena avviata ha alla base un’idea del primo tipo, ma quasi tutte le idee vincenti di Startup sono del secondo tipo.

Microsoft, ad esempio, ha fatto il salto di qualità quando ha creato Altair Basic. Il software era utilizzato da poche migliaia di persone, ma senza questo software gli utenti stavano programmando in un linguaggio meccanico.

Trent’anni dopo Facebook ha avuto la stessa intuizione. Il loro primo sito era esclusivamente per studenti di Harvard (qualche migliaia o poco più), ma quel migliaio di studenti ne aveva bisogno realmente e lo avrebbe utilizzato all’istante.

Quindi, per avere un’idea di Startup vincente, parti sempre da una domanda. Chiediti: chi vuole il mio prodotto adesso? Chi lo vuole così tanto che lo userebbe anche quando questo prodotto/servizio è una versione schifosa fatta da una startup di due persone di cui non hanno mai sentito parlare? Se non puoi rispondere a questa domanda, beh…… probabilmente hai avuto un’idea sbagliata!

(Fonte: http://paulgraham.com/startupideas.html)

SU DI NOI

Peekaboo esiste per aiutare gli imprenditori “di domani” a compiere il passo più difficile, il primo!

Negli ultimi due anni abbiamo accompagnato più di 400 founder nella formazione prima dello startupper e poi della startup, facendo leva su metodologie, processi, strumenti e tecnologie adottate dalle migliori realtà della Silicon Valley.

Siamo una community, e dal basso cerchiamo di realizzare una missione apparentemente impossibile, spingere le persone a credere di poter fare più di quello a cui sono abituate.

Per partecipare ai nostri programmi è necessario essere estremamente curiosi e disponibili al sacrificio, bisogna essere disposti a lavorare in gruppo e sapersi mettere in discussione.

Peekaboo forma startupper, persone con una spiccata indole imprenditoriale e al problem solving che contribuiranno con il proprio know how a rilanciare le industry in cui le proprie aziende opereranno.

Se ti rivedi in queste caratteristiche e vuoi dare una svolta alla tua vita, non aspettare e unisciti alla nostra Community!!

Candidati al prossimo Lean Startup Program